San Rocco

                                                      

La devozione alla Madonna delle Grazie viene tramandata di generazione in generazione dal  XVII secolo.  Nel 1679, infatti, i gavignanesi pronunciano un solenne voto alla Vergine, raffigurata in un’ antica tela.  L’ occasione è determinata dal diffondersi della peste, che mieteva quasi tutti i giorni nuove vittime. Per questo motivo, la nostra popolazione ha iniziato, sempre più frequentemente, a recarsi nella cappella della Madonna.

La supplica viene esaudita e il 3 ottobre 1679 il contagio, quasi miracolosamente, scompare.  I cittadini decidono allora di stanziare dei soldi per l’acquisto di una statua di legno che viene realizzata a Roma nel 1732.  La storia narra fatti straordinari che hanno lasciato segni profondi nella nostra popolazione. Ricordiamo i principali. 1796: il 9 luglio la Vergine muove le pupille; 1854: i gavignanesi rinnovano il voto alla patrona e, improvvisamente, il colera viene debellato; 1938: scoppia un violento incendio nella vicina fabbrica di esplosivi di Colleferro, ci sono morti e molti feriti, ma nessuno dei nostri concittadini resta coinvolto. 1945: Gavignano non subisce alcun bombardamento né danni dal passaggio degli eserciti invasori.

Il 2 e il 3 ottobre di ogni anno, nel ricordo di questi eventi, viene celebrata la festa in onore della Vergine : manifestazioni  religiose, culturali e sportive animano le due giornate dedicate al culto mariano. Un provvedimento molto importante è intrapreso dall’ arciprete don Francesco Sinibaldi. Il quale dà inizio alla ristrutturazione e all’ ampliamento della Chiesa  di San Rocco. In fondo alle due absidi vengono collocati i due altari della Madonna delle Grazie e di San Rocco. Nel 1935, don Fedele Gorga dedica alla Madonna un inno che era, ed è conosciuto come “l’inno alla Madonna delle Grazie”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Sunto liberamente tratto dai testi: "Le vicende di Gavignano dalle origini al secolo XX" di Ferdinando Micocci - Anno 1988 
"Gavignano il suo territorio i suoi personaggi" di Ferdinando Micocci - Anno 1998
 

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Avete accettato l'utilizzo dei cookies sul Vs. computer. Questa decisione è reversibile.